Il giorno del regalo. Mi è tornato in mente durante Savasana, ieri. E lo so, non dovevo pensare o ricordare durante Savana, però è spuntato fuori da un cassetto della memoria, quello remoto. Con i regali ho sempre avuto dei problemi, nel farli e nel riceverli, sbaglio sempre. Quando li aspetto e poi non arrivano, quando li faccio perché non sono attesi o li faccio alle persone sbagliate e nel momento sbagliato, non so fare i regali quando ci sono ricorrenze e quando li faccio sbaglio, non ho il dono del regalo.

Sono impacciata anche quando li ricevo, neppure mi piace riceverli, capisco benissimo cosa c’è dietro il regalo che ricevo, la sciatteria con cui è fatto quando è fatto con sciatteria, spesso, l’adulazione, più rara, il conformismo del fare il regalo o, peggio ancora, il regalo fatto, perché bisognava ricambiarlo. Quindi, finisco con il rattristarmi.

Da un altro cassetto della memoria è appena spuntato il ricordo di un’amica/collega che ho perso di vista.

E’ stata la persona che più di tutte mi ha fatto dei regali davvero orrendi, non scherzo, credo mi abbia addirittura regalato una di quei putti di Thun, per intenderci sul livello di cattivo gusto. Però io i suoi regali li conservo tutti. Capivo benissimo che dietro ciascuno dei suoi piccoli regali c’era una ricerca, un desiderio di farmi sorridere (e ci riusciva ma non nel senso che intendeva lei) che ogni volta mi commuoveva. Ho avuto regali più o meno importanti, pochi importanti, ma ricordo che una persona a me cara mi disse che l’affetto si misura dallo scontrino. Con il tempo ho capito che non è poi così distante dalla realtà la sua battuta, qualche volta serve come indicazione, non è cinismo. Ma non è l’unica indicazione valida, un regalo fatto senza affetto, si riconosce da lontano e ferisce. Anche se a caval donato, eccetera. Nessuno è obbligato a fare un regalo, io preferisco non farlo se devo prendere la prima cosa che trovo. Sono una pessima regalatrice natalizia, ad esempio. E soprattutto a Natale mi ferisce ricevere l’ennesimo oggetto regalatomi da chi neppure si pone il pensiero di chi sono. E vorrei dire: non era necessario costringermi a produrre altra spazzatura. Ma devo dire: grazie. Ci sono problemi più gravi, lo so.

Ma troniamo a Savasana e a ieri sera. Mi è tornato in mente l’unico regalo che mi ha fatto felice quando ero piccola, l’unico Natale in cui ho ricevuto quello che volevo e forse anche di più. Comunque ho ricevuto una bambola che camminava e parlava, i miei occhi brillavano e il mio cuore palpitava. La felicità. Quella sera la gamba della bambola si ruppe. Il dolore che ho sentito, se lo raccontassi, farebbe ridere per la sua sproporzione con l’oggetto perduto quindi dirò solo che mi fa male ancora oggi.

Tumulai la bambola nella sua scatola, con la carta velina, e cercai di convincermi che era tutto a posto e che la bambola stava bene, è che io non avevo più voglia di giocarci. Tentai vagamente di chiedere aiuto prima di riporla. Gli adulti mi dissero che avrebbero restituito la bambola e che, sicuramente, me l’avrebbero riaccomodata. Io non provai neppure a crederci, sapevo che non lo avrebbero fatto, che non avrebbero cercato di aiutarmi, anche se il mio mondo era in pezzi. Dovevo fare da sola e soffocare quel dispiacere.

Sembra una storia natalizia di Tim Burtun, lo so. Invece sto solo cercando di capire perché i regali mi causano tanti problemi.

Io non ho mai ricevuto in regalo il Dolce Forno, ma quanto l’ho desiderato. Non perché la mia famiglia non potesse permettersi di comprarmelo, è che non contava quello che volevo, c’era sempre qualcosa di più importante. Il risultato è che per me i regali sono fonte di dolore, anche quando li faccio.

Ho comprato un cappellino di cachemire per mio figlio, una volta. Avrei dovuto regalarglielo a Natale ma quel Natale non tornò a casa, avrei voluto metterlo io perché mi piaceva tanto, potevo farlo, ma non lo feci, ogni tanto aprivo il cassetto e lo accarezzavo. Finalmente glielo diedi, quel cappellino. L’avevo comprato a Parigi, poi lo avevo poi portato con me a Londra, aveva viaggiato con me mentre io lo accarezzavo, ogni tanto, non c’è neppure bisogno di sapere cosa è il transfer per capire cosa significava quel cappellino per me.

Quando glielo diedi, mi disse: “Ah mi serviva proprio, ora vado a correre, lo metto”.

Il giorno dopo vidi il cappellino di cachemire penzolare da uno stendino, infeltrito da un passaggio in lavatrice e ormai da buttare.

Del resto aveva fatto la stesa fine dalla mia amatissima pashmina, quella che gli regalai per affrontare il primo inverno a Londra. Però almeno l’aveva tenuta con me un bel po’.

“Non mi servono cose che non posso mettere in lavatrice.”

Aveva ragione, a suo modo.

Sono io che sbaglio a fare i regali, forse per questo anche lui non sa farne.

Qualche mese fa ho visto a casa di un’amica un mala comprato in un paese sperduto del Kerala, un regalo a cui avevo dato un’importanza esagerata forse perché di quel mala mi ero privata per regalarglielo, l’ho ritrovato sperduto in una collezione di mala,  e lei neppure si ricordava quale fosse quello che le avevo regalato io, forse neppure ricordava che glielo avevo regalato. Mentre io ci penso sempre.

Anche in questo caso, ha ragione lei. Ho fatto male a regalare qualcosa di così importante, ma solo per me.

Mi capita sempre, devo ricordarmelo la prossima volta che regalo qualcosa che mi piace e di cui mi privo per fare un regalo, finisce sempre male. Sempre sempre.

Forse perché come insegnano le buone maniere, bisogna regalare pensando a ciò che può piacere a chi riceve, mai a noi stessi. Però spesso le mie amiche, hanno i miei gusti. Io aggiungerei sul manuale delle buone maniere, che non bisogna caricare di significato i regali e che quando un oggetto ci piace, come regola generale, meglio tenerlo per noi.

E poi è ora di disseppellire la mia bambola con la gamba rotta.

Please follow and like us:
error