Giorno 11

 

Il giorno in cui voglio nuotare. Ho sognato di nuotare, sott’acqua come un pesce. In un mare cristallino pieno di tanti pesciolini colorati e nuotavo e nuotavo sott’acqua senza avere bisogno di respirare, senza sentire il freddo, immersa nella meraviglia e nella bellezza dell’acqua fresca e leggera. Pensare al mare da attraversare nuotando è una delle mie ossessioni, quando devo affrontare una situazione complicata, quando devo fare una risonanza, oppure quando ho un dolore, mi calma nuotare e mi calma il pensiero di farlo, è la mia personalissima meditazione, quando riesco a concentrarmi funziona benissimo. Vicino a casa c’è una piscina, anzi due, una piscina per nuotatori seri e una, molto grande, con idromassaggio e sentieri per signore agée, come me, Il sabato in verità c’è di tutto, anche ragazzi e bambini. Il sabato è meglio evitarla. Mi piace dell’acqua il non sentire nulla. Quella sensazione di essere altrove e irraggiungibile. Il vero lusso. Il respiro si calma, la concentrazione aumenta, dopo dieci minuti la prospettiva cambia. Tutto è possibile. La piscina per nuotatori seri ha un temperatura dell’acqua inferiore, però basta poco per scaldarsi. Respira – inspira. A volte, se mi concentro sui giochi di luce, riesco a vedere anche i pesciolini rossi, quelli azzurri, quelli screziati di giallo e variopinti. Se mi concentro posso fare tutto, arrivare ovunque e essere chiunque. Poi, esco dall’acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *